top of page
  • Rodolphe Rous

Esenzione fiscale per i redditi percepiti da dipendenti distaccati all'estero: nuova giurisprudenza del Consiglio di Stato francese




Il Consiglio di Stato francese, con una sentenza del 15 marzo 2024, ha esaminato il regime fiscale applicabile alle remunerazioni percepite da un dipendente distaccato all'estero che svolge attività di prospezione commerciale. Secondo il Consiglio di Stato, solo l'attività svolta per conto del datore di lavoro deve essere considerata.


I fatti. Il richiedente è un dipendente della EURL JSA France, filiale del gruppo Jackson Square Aviation, la cui società madre, JSA LLC, è basata negli Stati Uniti.


Procedura. Controllo su documenti. L'amministrazione ha contestato l'esenzione fiscale dal reddito di cui il richiedente ha beneficiato per gli anni 2013, 2014 e 2015, sostenendo che l'attività di prospezione commerciale da lui svolta all'estero non aveva l'obiettivo di sviluppare la società JSA France all'estero, ma quello della società JSA LLC.

La corte amministrativa d'appello di Bordeaux ha respinto l'appello che il dipendente aveva presentato contro la sentenza del tribunale amministrativo di Tolosa che aveva rigettato la sua richiesta di sgravio dalle contribuzioni supplementari d'imposta sul reddito a cui era stato assoggettato per gli anni 2013 al 2015 a causa di tale rettifica. Il richiedente si è appellato in cassazione contro la sentenza della CAA di Bordeaux.


Principio. I residenti in Francia che svolgono un'attività salariata e sono inviati da un datore di lavoro in uno Stato diverso dalla Francia e dallo Stato di stabilimento di tale datore di lavoro possono beneficiare di un'esenzione dall'imposta sul reddito per i salari percepiti in remunerazione dell'attività svolta nello Stato di destinazione.

Il datore di lavoro deve essere stabilito in Francia o in un altro Stato membro dell'Unione europea, o in un altro Stato parte dell'accordo sullo Spazio economico europeo che abbia stipulato con la Francia una convenzione di assistenza amministrativa per combattere frode ed evasione fiscale.


L'esenzione fiscale è concessa se le persone dimostrano di aver svolto l'attività salariata:

  • per una durata superiore a centottantatre giorni in un periodo di dodici mesi consecutivi nei seguenti settori: cantieri di costruzione o montaggio, installazione di complessi industriali, loro avviamento, esercizio e l'ingegneria correlata; ricerca o estrazione di risorse naturali; navigazione a bordo di navi armate al commercio e registrate nel registro internazionale francese,

  • per una durata superiore a centoventi giorni in un periodo di dodici mesi consecutivi per attività di prospezione commerciale.


Dalle disposizioni risulta che l'esenzione prevista a favore di un contribuente che è stato inviato all'estero dal suo datore di lavoro e vi ha esercitato un'attività salariata di prospezione commerciale per una durata di centoventi giorni in un periodo di dodici mesi è riservata ai dipendenti la cui attività è stata svolta per assicurare lo sviluppo delle attività o dei mercati all'estero del proprio datore di lavoro.


Soluzione. Un dipendente che ha stipulato con una società A un contratto di lavoro che lo incarica di prospectare un mercato commerciale, la cui attività ha come unico obiettivo lo sviluppo di mercati all'estero di una società B che fattura queste prestazioni di assistenza alla prospezione commerciale alla società A, senza che tale attività possa essere considerata, anche solo in parte, volta a favorire l'implantazione o lo sviluppo di mercati all'estero della società A, non soddisfa le condizioni richieste per beneficiare dell'esenzione prevista dall'articolo 81 A del CGI.


L'esenzione richiesta dal dipendente deve essere negata. Il ricorso è respinto.

3 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page